Caltagirone - L'impegno dei Cattolici in Politica

L’impegno dei cattolici nella politica, come insegnò Sturzo, ovvero quello di mettere al centro l’uomo, facendo ripartire un processo politico, parlando agli amministratori degli Enti locali, affinché la popolazione non veda lo stato come agnostico o nemico, dove non si ponga interesse solo per il raggiungimento di una “poltrona” senza un programma ma adottando un interesse condiviso, collaborativo e partecipativo. Un incontro organizzato dal Movimento Cristiano Lavoratori dal titolo “L’impegno dei cattolici in politica”. Il convegno, ospitato nei locali dell’ex Chiesa San Bartolomeo (Agriturist Sole Luna) di Caltagirone, vuole rimettere in discussione l’impegno dei cattolici nella politica italiana, che ha portato una divisione dal ’92 ad oggi, senza una costruzione di un percorso condiviso. Il potere come gestione per il bene della comunità e delle famiglie italiane, affinché si arrivi alla ricostruzione del ceto medio che produca e riceva ricchezza. Presente al convegno, il vicesindaco di Caltagirone Sergio Gruttadauria, Giacomo De Caro, Presidente dell’Istituto di Sociologia “Luigi Sturzo” di Caltagirone; Filippo Pozzo, Responsabile Arciconfraternita M. SS. Del Monte Carmelo di Caltagirone; ed Enzo Sardo, Scrittore; le conclusioni affidate a Decio Terrana, Responsabile nazionale Enti Locali dell’UDC e Componente dell’esecutivo nazionale del MCL.

  • ilsolidale.it
  • 21/01/2018